Terre di Mezzo

Terre di Mezzo è il territorio “stretto” individuato tra due fiumi, Secchia e Panaro, nella provincia di Modena, verso il Po. È una regione fertile, un grembo materno, dove da sempre Panaro-fiume maschio e Secchia-fiume femmina si muovono paralleli verso la foce, non si toccano mai, ma si corteggiano continuamente, le loro acque toccano i grandi argini e attraverso le irrigazioni e i canali si riversano nei terreni garantendo una fertilità indiscutibile. È una “zona mesopotamica” a cui è stata dedicata negli anni Trenta un monumento, una grande fontana nel centro di Modena disegnata da Giuseppe Graziosi, che mostra due figure, una femminile e una maschile, che simboleggiano rispettivamente i due fiumi i cui getti d'acqua sono orientati ognuno verso il rispettivo alveo. Chi nasce qui convive con due fiumi, ma ne ama solo uno. Quello più vicino, quello che lo riporta ai ricordi dell’infanzia o quello che non lo ha mai tradito. È stata questa, da subito, la chiave che ha spinto la mia ricerca: approfondire il forte legame degli abitanti con il territorio e i fiumi, scoprire che gli argini sono contenitori pazzeschi e che dentro ci sta tutto, famiglia, lavoro, memoria, paure. “Siamo gente di fiume” mi hanno detto “abbiano un’innata capacità per sopravvivere”.
Terre di Mezzo è progetto di FIUME, CollettivoSynap(see) 2016


Terre di Mezzo